Biennale Venezia 2020
16249
post-template-default,single,single-post,postid-16249,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Biennale Venezia 2020

L’Esposizione Internazionale di Architettura – la Biennale di Venezia è stata rinviata al 2021 a causa dell’emergenza sanitaria da COVID-19
VERLATO+ZORDAN che, grazie alle collaborazioni con l’Ente Biennale e varie Fondazioni e Istituzioni della Laguna, sovente è attiva nella realizzazione degli eventi e delle mostre de La Biennale, quest’anno ne approfitta per approfondire le proprie ricerche e per essere ancora presente e pronto per l’edizione del 2021.
Oltre il diretto coinvolgimento professionale, da sempre viviamo la Biennale come momento importante di crescita, personale e di gruppo, tanto da considerare importante il consueto rito di fermare lo Studio per uno o due giorni per visitarla tutti assieme. Respirare quell’aria, anche solo per un giorno, ci fa bene; in fondo “nessun uomo è un isola” diceva John Donne, e per assurdo Venezia è ispiratrice anche in questo.
L’Esposizione Internazionale di Architettura è un evento che va ben oltre le mostre o la premiazione del miglior Padiglione, si tratta di una delle occasioni importanti per gli architetti di abbandonare i propri computer e gli studi e uscire per incontrare nuove persone, suggestioni, idee. Quello che abitualmente gli artisti fanno riunendosi nei collettivi, nelle mostre, o nei salotti, gli architetti lo fanno in momenti come questo. Il lavoro, la frenesia e i tempi sempre più serrati non ci permettono di fermarci a lungo a chiacchierare o solamente a bere un caffè in una citta magnifica come Venezia.